| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Stop wasting time looking for files and revisions. Connect your Gmail, DriveDropbox, and Slack accounts and in less than 2 minutes, Dokkio will automatically organize all your file attachments. Learn more and claim your free account.

View
 

Custom Maps di Garmin

Page history last edited by Vincent Ottaviani 9 years, 6 months ago

 

Custom Maps di Garmin per GPS

I GPS “escursionistici” riescono ormai a coniugare basso costo con prestazioni eccezionali. A ciò si uniscono nuove funzionalità, quali quelle permesse da “custom map”. In sostanza è possibile importare qualsiasi cartografia digitale, ovvero rendendola tale, georeferenziandola opportunamente in modo semplice e veloce in WGS84.
Ai classici utilizzi sportivi possono ormai associarsi usi professionali, a condizione che si identifichino le caratteristiche del prodotto necessario allo scopo, data l’incredibile assortimento di dispositivi esistenti sul mercato.

 

Cos'è Custom Maps
Si tratta di una innovativa funzionalità, che permette di utilizzare una qualsiasi scansione di cartografia per la navigazione, direttamente nello schermo del proprio strumento GPS Garmin compatibile. Questa funzionalità è realmente rivoluzionaria, e nemmeno noi alla Garmin ne conosciamo pienamente i limiti: mappe da sci del vostro comprensorio preferito, immagini cartografiche scaricate da un sito web di un Ente Pubblico, cartografia scientifica (archeologica, naturalistica ecc.) e molti altri tipi di cartografie possono essere utilizzate: ad estremo limite, anche un tovagliolo di un bar su cui una guida locale ha tracciato degli schizzi a matita... Il limite è la vostra fantasia.
Custom Maps è compatibile con tutti gli strumenti delle serie Oregon, Colorado, Dakota ed i nuovissimi strumenti delle serie GPSmap 62 e GPSmap 78.

 

Come funziona?
Per prima cosa bisogna assicurarsi di avere il software dello strumento aggiornato all'ultima versione disponibile. È facile effettuare l'aggiornamento del vostro strumento, tramite il programma gratuito Garmin WebUpdater, scaricabile da qui: http://www.garmin.it/download.php?id=16.
Poi bisogna avere installato nel proprio computer il programma Google Earth, gratuito e scaricabile da qui: http://earth.google.com/intl/it/. A questo punto si passa all'azione. Dopo aver scansionato l'immagine, la si importa nel programma Google Earth e la si "aggiusta", fino a farla coincidere perfettamente con l'immagine satellitare (in questa maniera l'immagine viene "georeferenziata", ossia gli vengono associate le coordinate geografiche per un corretto posizionamento). Fatto. Ora basterà copiarla nello strumento e magicamente la potrete usare sullo schermo del vostro GPS.
Abbiamo realizzato una guida pratica, scaricabile in basso nella pagina, che riporta passo-passo come eseguire tutte le operazioni. Scaricatela, stampatela e tenetela a portata di mano. Ma vedrete che, fatta la prima mappa custom, già sarete dei campioni.

 

Che differenza c'è tra una Custom Map ed una cartografia Garmin?
Le immagini scansionate sono di tipo "raster", ossia sono una fittissima trama di punti di diversi colori (i "pixel"). Le cartografie Garmin sono invece di tipo "vettoriale", ossia la cartografia è organizzata in una struttura di database, nel quale ad ogni singolo "oggetto cartografico" (ad esempio la linea di una strada, il punto di un albergo o l'area di un bosco) sono associati degli "attributi" che li rendono utilizzabili per tutta una serie di funzionalità. Ad esempio, ad una strada potrò associare gli attributi dei sensi di marcia, dei limiti di velocità e le limitazioni di traffico, mentre per un albergo avrò l'indirizzo ed il numero di telefono. Per un bosco, potrò infine avere l'indicazione del tipo di alberi che troverò.
In una scansione, invece, una strada non è altro che una fila di pixel neri, mentre un bosco è un insieme di pixel verdi. E gli alberghi, in genere (come molte altre cose), non sono nemmeno riportati sulle carte escursionistiche.

Un'altra differenza sostanziale è che nelle cartografie Garmin è possibile effettuare ricerche sugli oggetti cartografici, in quanto tutti gli oggetti sono organizzati in un database, come appena detto. Mentre nella cartografia raster i nomi ed i toponimi sono ancora una volta… dei pixel di colori diversi, per nulla differenti da quelli immediatamente adiacenti.
Infine la cartografia vettoriale, anche effettuando delle operazioni di zoom estreme, non perde assolutamente definizione, rimanendo definita e ben leggibile. Le immagini raster, invece, sono perfettamente visibili solo ad uno zoom del 100%. Se si ingrandiscono, infatti, non si fa altro che far aumentare di dimensione i pixel, col risultato di rendere "sgranata" l'immagine. Rimpicciolendo, al contrario, tutti i nomi ed i toponimi rimpiccioliscono del pari, diventando presto illeggibili.

 

Posso usare una Custom Map fatta da me insieme ad una cartografia Garmin?
Certamente, anzi è assolutamente raccomandato. Sulle mappe raster, infatti, non è possibile creare automaticamente dei percorsi lungo i sentieri o sulle strade, proprio perché in un raster i pixel sono tutti uguali (a parte il colore, ovviamente). Usandola perciò assieme una cartografia Garmin (ad esempio City Navigator o TrekMap) si potranno visualizzare le strade ed i nomi geografici sopra la mappa raster, raggiungendo un livello informativo assolutamente perfetto. E si potranno anche effettuare ricerche di punti di interesse, creare automaticamente un percorso verso la destinazione ed essere guidati dallo strumento fino a raggiungerla. Ma in più, avrò a disposizione tutti i dettagli contenuti nell'immagine raster migliore del mondo: quella che ho scelto io.

 

Ci sono dei limiti nella realizzazione di Custom Maps?
Al momento, gli unici strumenti compatibili con la funzionalità Custom Maps sono i seguenti:
- serie Oregon: 200; 300; 400; 400t; 450; 450t; 550; 550t
- serie Colorado: 300; 400
- Serie Dakota: 10; 20
- Serie GPSmap 62: 62; 62S; 62St
- Serie GPSmap 78: 78; 78S; 78Sc
Le ulteriori limitazioni che si applicano sono di tipo tecnico: uno strumento potrà visualizzare al massimo 100 immagini, ed ogni immagine dovrà avere una dimensione massima di 1024x1024 pixel. Variando la risoluzione della scansione (la dimensione dei singoli pixel, detta in gergo tecnico DPI) potrà però essere possibile realizzare cartografie anche molto estese, che possono coprire aree anche molto ampie.
Ma non è per questo che nasce Custom Maps, bensì per fornire ad un vero appassionato la possibilità di "portarsi dietro" la sua cartografia preferita. Immediatamente fruibile sullo schermo del proprio GPS: il sogno di una vita, finalmente realizzato da Garmin.
Molto interessante, inoltre, la disponibilità di mappe del Progetto Birds Eye.

Si allegano:
“Scheda _tecnica_CustomMaps.pdf”
“Scheda _tecnica_BirdsEye.pdf”
Scheda_tecnica_CustomMaps.pdf

Scheda_tecnica_BirdsEye.pdf

 

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.