| 
  • If you are citizen of an European Union member nation, you may not use this service unless you are at least 16 years old.

  • Stop wasting time looking for files and revisions. Connect your Gmail, DriveDropbox, and Slack accounts and in less than 2 minutes, Dokkio will automatically organize all your file attachments. Learn more and claim your free account.

View
 

Codice Azuni

Page history last edited by stefano centasso 9 years, 11 months ago

 

Accesso ai dati, partecipazione alla democrazia, privacy sono alcuni temi affrontati nella consultazione su Internet per il “Codice Azuni” lanciata dal ministero per la Pubblica amministrazione e l’innovazione.

A ispirare l’iniziativa è stata l’opera del giurista sardo Domenico Azuni: su incarico di Napoleone ha redatto alla fine del Settecento un codice di navigazione, a partire da una raccolta e da un confronto tra le normative nazionali dell’epoca.

L’oceano di Internet si allarga e si profila il sorpasso delle connessioni attraverso dispositivi mobili sugli accessi da postazione fissa.

I social network hanno superato globalmente gli utenti della posta elettronica, ma le reti sociali sollevano domande sulla gestione della privacy.

Di recente Google e l’operatore telefonico Verizon hanno proposto un documento per sostenere che il traffico di dati online non deve essere discriminato nella rete fissa, ma potrebbe esserlo nei network di telefonia mobile, dove progettano un web a “due velocità”.

Le questioni sul tavolo non sono poche, alimentate dall’incertezza dinamica di Internet come sottolineano le linee guida del “Codice Azuni”: il divario digitale nell’accesso all’informatica, gli strumenti di policy, la tutela della riservatezza per i dati personali diffusi online.

 

Ecco allora il parallelismo tra la “navigazione” sui mari dell’Europa di inizio ‘800 e quella sulla Rete del XXI secolo, la lezione di Azuni dà il senso dell’importanza di governare realtà di dimensioni globali con regole condivise, ma anche e soprattutto della necessità di realizzare ciò con un metodo che riconosca principi e consuetudini già esistenti e sentite.

 

Il Codice Azuni può diventare un testo da proporre all’attenzione di organizzazioni internazionali quale contributo italiano al dibattito su Internet.

 

Per approfondimenti www.azunicode.it

Comments (0)

You don't have permission to comment on this page.